Ricevere e diffondere i Quaderni

IMG_4275bisSe desiderate ricevere i Quaderni in formato cartaceo, scrivete a info@demamah.it

I Quaderni di Demamah non ricevono alcun finanziamento da enti pubblici o ecclesiastici, non contengono pubblicità e si basano sul lavoro gratuito e volontario di tutti i collaboratori.

Se hai apprezzato il Quaderno che hai letto e ritieni che esso possa essere utile anche ad altri, sostieni la sua pubblicazione con una donazione. Spediremo i Quaderni a casa tua per un intero anno!

Le donazioni possono essere consegnate a mano o tramite bonifico bancario all’Associazione DEMAMAH – IBAN   IT32 O030 6961 2771 0000 0002 370 (codice BIC, per l’estero: BCITITMM), ricordando di indicare nella causale il proprio nominativo e recapito oppure inviando mail a info@demamah.it. Qualsiasi donazione, anche minima, è quel ‘granello di senape’ nel quale confidiamo.

I Quaderni di Demamah vengono distribuiti gratuitamente ad amici, conoscenti, gruppi, parrocchie, librerie, ma anche negli ospedali, nei santuari, nelle carceri, nei centri di aggregazione e accoglienza e anche nelle stazioni ferroviarie. La loro pubblicazione è interamente autofinanziata e sostenuta da tante persone dal cuore grande e generoso che ci aiutano con le loro donazioni e collaborazione gratuita. A tutti diciamo: “Grazie di cuore!” Chiediamo anche a tutti coloro che pensano che qualcun altro possa trarre anche un piccolo beneficio dalla loro lettura, ad aiutarci a divulgare i Quaderni chiedendocene più copie da distribuire ai propri conoscenti, parrocchie, gruppi, ecc.

Vi chiediamo soprattutto di starci vicino e di pregare per noi, affinché possiamo proseguire nel disegno che Dio vuole attuare attraverso la nostra collaborazione. Di cuore, ancora grazie!

2 risposte a Ricevere e diffondere i Quaderni

  1. nella zampieri scrive:

    mi piacerebbe ascoltare tutte le omelie a belluno di don giovanni uterbergher

  2. nella zampieri scrive:

    mi fa molto bene al corpo e allo spirito poter ascoltare tutte le omelie possibili di don giovanni uterbergher

I commenti sono chiusi.